martedì 10 febbraio 2009

Eluana si è spenta. Doverosi il silenzio e il rispetto.

Ieri sera alle 20.10 si è spenta Eluana Englaro, una ragazza che da 17 anni permaneva in uno stato vegetativo in seguito a un indicente stradale quando aveva solo 22 anni.
Si è spenta con tutto il carico di sofferenza che insieme a lei i suoi genitori e amici hanno dovuto sopportare. Da credente penso che sia questo il momento di tacere e mettere in atto un doveroso rispetto di fronte al dolore dei genitori.
Angelo

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma guarda un po', fino il giorno prima a urlare, a montare la polemicxa, poi si vuole il silenziatore, ora stiamo muti in segno di rispetto...
non è forse meglio proprio il contrario, parlare, discutere apertamente ADESSO, e non quando ci va di mezzo la pelle di qualcuno?
O la politica è cavalcare il tema del momento e buttarlo il giorno dopo nel cestino?

Angelo Bergomi ha detto...

Questo commento è assolutamente pertinente per chi nel governo di questo paese ha sfruttato e strumentalizzato la vicenda dolorosissima di una sfrotunata ragazza e del dolore della sua famiglia per farne un caso politico, se lo ricordi.
O qualcuno si è dimenticato che, mentre il presidente della Repubblica chiedeva discrezione e rispetto, il presidente del consiglio apriva uno scontro istituzionale mai visto nel nostro paese? Tutta l'urgenza che c'era nel voler realizzare un decreto legge in pochi giorni ora che si dovrebbe discutere di una legge sul testamento biologico il governo e la maggioranza sono scomparsi. In attesa del prossimo caso mediatico?
Qualcuno si dovrebbe vergognare!